A.LA.SI. ONLUS

Associazione Laringectomizzati Sicilia

Dati epidemiologici

barra blu 480

 

L’incidenza del carcinoma laringeo è relativamente bassa se comparata con quella del carcinoma degli altri organi e rappresenta il 2-5% di tutte le neoplasie maligne diagnosticate, in un anno, nel mondo. Nelle aree fortemente industrializzate l’incidenza arriva al 6-8%. L’età̀ media di comparsa è tra i 50 e 70 anni, con un’incidenza maggiore nell’uomo rispetto alla donna. La maggior parte degli studi mostra che gli abitanti delle zone più̀ industrializzate presentano un’incidenza di carcinoma laringeo 2-3 volte maggiore degli abitanti delle zone rurali. Il record per la più alta incidenza di carcinoma laringeo è detenuto dalla Thailandia del Nord con un valore di 18,4/100.000 nei maschi e 3,4/100.000 nelle femmine.

Il tumore laringeo è presente nella popolazione italiana in percentuali variabili dal 3 al 6/100.000 abitanti. Il secondo valore è registrato nelle zone industriali del nord Italia. L’indice di comparsa è in aumento ovunque nel mondo occidentale e tra le cause si ricorda il fumo di sigaretta, l’alcool, l’associazione di entrambi come moltiplicatore delle probabilità̀ di malattia e i fattori ambientali. Tra questi ultimi ricordiamo l’inalazione di vapori caldi, esalazioni termali, composti organici chimici (idrocarburi policiclici aromatici, nitrosamine) che vengono prodotti nelle industrie di carbone, ferro e gomma; insetticidi (benzopirene), fumi chimici (vinilcloride, formaldeide), fibre nelle industrie tessili e del cuoio, nichel e cromo dell’industria mineraria e l’asbestosi. A questi va aggiunto il dato genetico di predisposizione alla malattia inteso come predisposizione ereditaria alla malattia, pregresse infezioni da herpes symplex in quanto predisponenti al carcinoma laringeo. Attualmente sono in corso studi sugli oncogeni che sembrano particolarmente implicati nella regolazione e proliferazione cellulare e si è individuato il potenziale oncogenico di specifici geni cellulari nell’insorgenza del tumore della testa e del collo.

I sintomi più comuni: disfonia con voce rauca, afonia, disfagia, aumento del volume dei linfonodi situati nella parte superiore del collo. La diagnosi è eseguita tramite:

  • esame obiettivo;
  • laringoscopia con fibre ottiche;
  • TAC con e senza mezzo di contrasto del distretto testa-collo.

Alla diagnosi di carcinoma laringeo, il medico specialista, con la sua equipe valuta, nel pieno rispetto dei protocolli e delle linee guida in materia dei tumori testa collo, l’approccio più consono da seguire. Si parla di chirurgia conservativa e ricostruttiva, quando parte dell’organo laringe è risparmiata dall’exeresi, perché non interessata da malattia o demolitiva, nel caso, invece, si consideri necessaria la completa rimozione dell’organo. La chirurgia può essere preceduta o seguita da cicli di chemio o radioterapia.

 

ALCUNI DATI SICILIANI:

Grazie alla recente pubblicazione dalla nuova legge per la “Riorganizzazione della rete ospedaliera Siciliana”, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia il 14 aprile 2017, si evincono alcuni dati epidemiologici relativi alla sola Sicilia:

  • al 1 gennaio 2015 la popolazione della Regione Sicilia è di 5.092.080 persone, di cui 2.472.370 uomini (48,6%) e 2.619.710 donne (51,4%);
    la maggior parte della popolazione è addensata nei capoluoghi siti lungo le aree costiere;
  • solo nei comuni di Palermo, Catania e Messina abitano 1.234.507 abitanti (pari al 24,2% del totale);
  • nella sola Provincia di Palermo (inclusa città) abitano 1.276.525 abitanti (cioè un quarto di tutti i residenti in Sicilia);
  • in base ai dati ISTAT aggiornati al 2013, in Sicilia il tasso di decessi per Tumori Maligni delle vie respiratorie è di 7,8 persone ogni 10.000 contro una media italiana di 8,2;
  • aggiornato al 2015 il dato complessivo di decessi per Tumori maligni, in Sicilia, è di 7151 uomini e 5281 donne. I decessi per Malattie dell’apparato respiratorio è di 1811 uomini e 1635 donne;
  • in Sicilia, dopo le malattie cardiovascolari, i tumori maligni sono la seconda causa di mortalità e le malattie delle vie respiratorie la terza;
    tra i ricoveri ospedalieri  siciliani al terzo posto, nella categoria dei Tumori Maligni, sono le neoplasie dell’apparato respiratorio (10%), dato in aumento;
  • in base ai dati aggiornati al 2013 i ricoveri presso i reparti di Otorinolaringoiatria dei cittadini siciliani sono stati 72.136 (su un totale di tutti i ricoveri pari a 2.646.781) di cui il 9% fuori regione ed il 17% fuori dalla propria A.S.P. (cioè in mobilità infra-regionale, molto alta per province come Enna, Caltanissetta e Messina nel qual caso i pazienti, spesso, si ricoverano sempre in Sicilia ma in ospedali di province differenti da quelle di residenza del paziente).

Contatti

A.LA.SI. Onlus

Sede Legale: Via Oreste Lo Valvo, 31
90100 - Palermo
Cod. Fiscale: 97319680829

telefono cellulare3883016413

contattiCONTATTACI

Eventi ed iniziative

eventi

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato delle nostre iniziative